Spreco Alimentare: abitudine dei clienti al ristorante

Spreco Alimentare

Spreco alimentare: doggy bag per un italiano su tre

Spreco Alimentare

Il 5 Febbraio in Italia viene celebrata la giornata contro lo Spreco Alimentare , una data importante ,per sensibilizzare e far riflettere i cittadini, su quanto cibo sprecato viene buttato tutti i giorni.

Questa ricorrenza annuale è stata ideata dal Ministero dell’Ambiente nel 2014, con la collaborazione di enti che si occupano di sprechi alimentari, e secondo i dati ufficiali, lo spreco alimentare in Italia è arrivato a toccare 1,3 miliardi di tonnellate di cibo all’anno e purtroppo i dati tenderanno ad aumentare negli anni a venire.

Sprechi Alimentari

Uno dei settori dove lo spreco alimentare è in forte aumento è quello della ristorazione, dove pietanze e resti di cibo lasciate dai clienti vengono gettate nell’immondizia ,senza pensare alle conseguenze sociali, economiche ed ambientali.

Per sopperire a questi sprechi di cibo, in Italia è entrata in vigore la legge 166/16 ,mirata proprio a promuovere l’utilizzo di appositi contenitori alimentari idonei all’asporto del cibo ,le cosidette “doggy bag” che gli operatori del settore della ristorazione mettono a disposizione dei clienti.

Questa legge però non ha portato ancora grossi benefici, visto tanti italiani non hanno preso in considerazione questa opportunità di portarsi a casa gli avanzi del pranzo o cena consumata nei ristoranti o pizzerie.

Ma cosa frena gli italiani nel richiedere la doggy bag al ristorante?

Nel nostro paese ci sono ancora molti pregiudizi e pudori nel portarsi gli avanzi del cibo non consumato a casa, al contrario di altre nazioni come gli Stati Uniti ad esempio, dove questa pratica è una tradizione tramandata dagli anni 40′, o dalla Francia dove in alcuni casi dotarsi della doggy bag è un obbligo, arrivando alla Cina che considera non sprecare il cibo un esempio di galateo.

Dati alla mano da un’ indagine Coldiretti dal tema sullo spreco alimentare, un italiano su tre (33%) si porta, a volte, a casa gli avanzi dal ristorante mentre il 18% lo fa solo raramente. Il 9% degli italiani non chiede la doggy bag perché è da poveracci e non è educato, invece il 5% perché si vergogna.

Un altro 28% dice di non lasciare alcun avanzo nel piatto quando cena o pranza fuori, una tendenza del passato tramandata dai nostri nonni, che riconosce il valore del cibo e la necessità di non sprecarlo.

Vieni a gustarti i piatti prelibati del Ristorante Baronessa, uno dei migliori ristoranti Taormina, siamo sicuri che non lascerai alcun avanzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat